Uno studente di 17 anni si è impiccato a causa di una falsa accusa di stupro . Se fossimo in una società davvero civile ed egualitaria, tutte quelle Istituzioni, politici, magistrati e Media che appoggiano il femminismo e questi abomini,verrebbero processati e incarcerati. Ma purtroppo questa non è una società civile.

http://www.dailymail.co.uk/news/article-3256157/Student-17-hanged-falsely-accused-rape.html

Annunci
Categorie: Uncategorized | Tag: , | Lascia un commento

Chiediamo formalmente e ufficialmente che l’attuale nome del cosiddetto “Ministero delle Pari Opportunità” venga cambiato in “Ministero delle Donne”. Chiediamo questo solo e soltanto per una questione di coerenza tra autoproclamarsi e agire, e per una questione di correttezza nei confronti dei contribuenti di sesso maschile(che sono la gran parte dei contribuenti) che devono essere a conoscenza dei veri servizi elargiti da chi pagano con le proprie tasse. Ebbene, dovete sapere che questo Ministero(presente solo in Italia) è composto esclusivamente da donne(gli uomini non sono ammessi) e che si occupa solo ed esclusivamente di donne e MAI di uomini e loro problematiche, difficoltà, discriminazioni subite, ecc E addirittura questo Ministero auspica (almeno stando alle dichiarazioni di alcune loro ministre che si sono succedute) la prevalenza numerica delle donne in tutti i campi e settori.
Pari Opportunità-principio nel quale ci riconosciamo pienamente-invece vuol dire pari diritti, pari trattamento, pari dignità, pari doveri a parità di condizione tra uomini e donne, e quindi troviamo scorretto e offensivo nascondersi dietro questo sacrosanto nome e principio per promuovere azioni istituzionali e legislative palesemente discriminatorie nei confronti dei cittadini di sesso maschile, in piena violazione dell’ art 3 della Costituzione, cui pure le ministre e sottosegretarie di questo Ministero hanno giurato fedeltà.

Categorie: Uncategorized | Tag: | Lascia un commento

a)Gli uomini sono privilegiati, economicamente potenti e oppressori(di donne). Così dicono il Femminismo, parecchie donne(ma anche uomini zerbini e leccapiedi), i Media, le Istituzioni, i Docenti, gli opinionisti, i benpensanti, insomma quasi tutti.
b) No, gli uomini sono discriminati e occupano le posizioni più basse della società. Così ribattono gli attivisti dei diritti maschili(non necessariamente antifemministi).

Come è possibile avere due vedute completamente opposte della stessa realtà? Qual è la verità? Quale tra le due affermazioni a e b è vera?
In realtà a e b non sono completamente opposti, anzi la situazione affermata in b è conseguenziale a quella affermata in a. Mi spiego: nel momento in cui una certa “categoria”(in questo caso, quella maschile) viene proclamata dalle Istituzioni e dal Politicamente Corretto come “categoria privilegiata e oppressiva”, allora sorge spontanea l’ esigenza(emotiva o materiale, a seconda dei casi) di “compensare” e arginare questi presunti “privilegi” e questi suoi comportamenti “oppressivi”(contro le donne, in questo caso). E questo si traduce, di conseguenza,in azioni(a livello sociale, legislativo, giudiziario, ecc) volte a “penalizzare” la categoria considerata “privilegiata” e trattarla in modo più “duro” rispetto alla categoria considerata “oppressa e discriminata”,e questo per un principio di “compensazione” e di “punizione”.

Del resto, essere considerati “privilegiati” non conviene a nessuno, la cosa migliore per ottenere privilegi è quella di essere considerati vittime. Gli esseri umani lo sanno da quando è iniziato il mondo, di qui il detto “chi piange fotte”. La Dittatura del “Debole” e della “Vittima”.

p.s: ovviamente non vogliamo dire, però, che tutte le donne siano privilegiate(le femministe e simili, però lo sono eccome), così come non vogliamo dire che tutti gli uomini siano “discriminati”, perchè riteniamo scorretto generalizzare, sia da un lato che dall’ altro.

Categorie: Uncategorized | Tag: , , , | Lascia un commento

In nome del Femminismo, si celebra la larga maggioranza femminile tra gli iscritti e laureati in medicina e giurisprudenza(e quindi la larga maggioranza femminile tra i nuovi medici e magistrati e avvocati), si invocano(e si ottengono) legislazioni speciali per aumentare(in modo antidemocratico e antimeritocratico), attraverso “quote rosa” e “affirmative actions”, la presenza femminile nei posti di Potere…………………ma ad asfaltare e aggiustare le strade sotto la pioggia o il sole a 50 gradi,a massacrasi nei cantieri per costruire case, palazzi ponti, nelle acciaierie,nelle fogne,nelle miniere,a fare terrificanti orari notturni, a doversi far carico di essere i mantenitori economici della famiglia(e quindi finire senza tetto o suicidi in caso di disoccupazione),e tante e tante altre cose terribili, rimangono solo e sempre gli UOMINI. In questi casi non c’è “parità di Genere” che tenga, non si invocano quote, non si fa vittimismo.
Che presa per il c.lo che è il Femminismo!

Categorie: Uncategorized | Tag: , , | Lascia un commento

In un articolo di un noto giornale periodico, per dimostrare che ci sia una “discriminazione” contro le detenute donne e quindi di “privilegi” dei detenuti uomini, si cita il fatto che:

1) La stragrande maggioranza dei detenuti è di sesso maschile, quindi a dire delle femministe, i governi danno più attenzione alle carceri maschili che a quelle femminili.

2) Nelle statistiche sulle morti, suicidi, e autolesionismi in carcere, i dati non sono diversificati per sesso ma sono globali(uomini e donne insieme), quindi per l’autrice dell’ articolo si “ignorano le donne”.

Risposta:

1) Le femministe sono così ritardate mentalmente che non capiscono che la stragrande maggioranza di detenuti al maschile, vuol dire, oltre al fatto che la piaga delle carceri colpisce più gli uomini che le donne, che il sovraffollamento riguarda interamente le carceri maschili,e si sa che il sovraffollamento è la principale causa di disagio e di sofferenza nelle carceri.

2) Le femministe sono così ritardate mentalmente da non capire che se in una statistica i dati non sono diversificati per sesso, non vuol dire che le donne vengano “ignorate”, dal momento che neanche i dati relativi agli uomini sono presenti(a meno che non si dica che anche gli uomini “sono ignorati”).

E pensare che fino a poco tempo fa credevo che le femministe fossero cattive, sì, ma intelligenti e furbe. Mi debbo ricredere: queste hanno pochi neuroni o malfunzionanti. Quindi, forse, non sono nemmeno cattive, ma stupide, il che è peggio.

Categorie: Uncategorized | Tag: , | Lascia un commento

Mettono telecamere negli asili per scoprire fantomatici “pedofili”(uomini, ovviamente) ma trovano solo maestre violente. La realtà che smentisce l’ ideologia.

http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/09/26/parma-calci-e-insulti-ai-bambini-dellasilo-nido-maestra-incastrata-da-telecamere/2070938/

Categorie: Uncategorized | Tag: | Lascia un commento

In questa società cosiddetta “maschilista”, i padri separati che vogliono vedere i figli, vengono allontanati per sempre da loro e spesso anche incarcerati( http://it.avoiceformen.com/…/alessandro-del-grande-sentenza/ ) , mentre l’ acidificatrice che sfigurò il suo ex fidanzato è stata scarcerata per permetterle di stare con suo figlio. Nello stesso tempo, praticamente tutte le donne che uccidono i loro figlioletti vengono assolte perchè “depresse” (https://www.facebook.com/permalink.php?story_fbid=1209351465758678&id=297305676963266 ) , e tanti uomini(spesso padri) vengono incarcerati e condannati a lunghe pene detentive per false accuse delle ex mogli per impadronirsi dei figli.
E questa sarebbe una società “maschilista”. Immaginiamoci se fosse femminista, cosa succederebbe…

Categorie: Uncategorized | Tag: , , , | Lascia un commento

Ma evitare di mettersi con uomini spavaldi, bulli, tamarri, maneschi, no eh?? E’ così difficile? Soprattutto, con tanti ragazzi/uomini pacifici e mansueti che ci sono, non mi si dica che sia difficile. La verità è che questa è una libera scelta di alcune donne, perchè ad alcune(ripeto: alcune, non tutte) donne piace una certa tipologia di uomo “rude” e “primordiale”, eufemisticamente parlando.
Fermo restando che ci sono anche uomini(e donne) apparentemente pacifici ma che in realtà possono avere un lato “nascosto” non proprio pacifico, ce ne sono anche e soprattutto la cui indole violenta(con altri uomini, ma chi è violento di indole, prima o poi, può finire per mettere le mani addosso anche alla moglie, figli e altri familiari) si vede “a chilometri di distanza”. E guarda caso, a questi, non mancano mai le donne. Non mancano a loro, perchè a certe donne appaiono molto “machi”. A differenza di tanti uomini mansueti che spesso hanno anche difficoltà a trovare una donna.
Se dici che se ci si mettesse al volante in modo più responsabile ed etico, diminuerebbero gli incidenti stradali, tutti giustamente ti applaudano. Ma se dici che si scegliesse il compagno in modo più responsabile ed etico, diminuerebbe la violenza domestica(che le femministe dicono essere molto “diffusa”),ti linciano e ti accusano di giustificare la violenza contro le donne. Così è il Femminismo.
“Ma le donne hanno diritto di mettersi con chi pare e piace a loro”. Mi si obietterà. Sì, è vero. Le donne(e gli uomini) hanno questo diritto, così come chiunque ha il diritto di tuffarsi in un pozzo o in uno stagno infestato da coccodrilli. Ma non è questo il punto.
Il punto è un altro.

Categorie: Uncategorized | Lascia un commento

Uccise a coltellate il figlio di 13 anni la notte di Natale: assolta perchè considerata “depressa” ( http://www.ilrestodelcarlino.it/…/san-severino-debora-calam…). Appena qualche mese fa una donna che aveva ucciso i suoi tre figlioletti pure è stata assolta, sempre perchè “depressa” ( http://milano.corriere.it/…/lecco-assolta-madre-uccise-tre-…) . E’ sempre così. Mentre si ciancia di “discriminazione contro le donne”, le madri infanticide(e anche quelle uxoricide) le assolvono tutte: non per non aver commesso il fatto, sia chiaro, ma perchè sarebbero “depresse””(se ammazzano il figlioletto) o perchè avrebbero reagito ad un “maltrattamento”(se ammazzano il marito o il compagno, insomma uccidere un uomo per vendetta in risposta a presunti “maltrattamenti”, è considerato giusto). Insomma, sembra che per i benpensanti una donna che ammazza il figlio o il marito non possa mai averlo fatto per violenza o cattiveria ma sempre per cause di forza maggiore, quindi come tali o non punibili o punibili in modo assai blando La donna è sempre innocente. Punto. Sto ancora cercando qualche caso, eccezione, di donna infanticida(ma anche uxoricida) che non sia stata assolta o comunque giudicata con indulgenza con pene irrisorie, ma non ne ne riesco a trovare, almeno negli ultimi anni. L’ unica eccezione sembra essere la Franzoni(tra l’altro condannata ad una pena lieve rispetto all’ orrendo crimine che commise, ed infatti è già libera), ma è una falsa eccezione: lei si dichiarò sempre innocente, quindi i suoi avvocati non poterono giocare la carta dell’ “infermità mentale”, e ovviamente cercarono di dimostrare che fosse innocente, sicchè i giudici, trovatala colpevole dalle prove,non potendola assolvere, trovarono un compromesso: condanna sì, ma in modo lieve e con sconti vari.

Si obietterà: ma ci sono anche casi di uomini assolti per “infermità mentale” o comunque condannati a pene lievi rispetto all’entità del crimine commesso. Sì, è vero, ce ne sono: ma non si tratta mai di omicidi commessi verso mogli, fidanzate, bambini, figli, ma di crimini comuni. E parlo almeno degli ultimi 10 o 15 anni, prima non saprei. Nonostante i padri che uccidono figlioletti siano molto di meno rispetto alle madri che fanno altrettanto, nessuno di essi viene mai assolto per “infermità mentale”. Nessuno. Perchè per le madre infanticide invece avviene quasi sempre? Sfidiamo chiunque a “dimostrarci” il contrario.

Questa società femminista condanna un presunto stupro in modo molto più severo di un omicidio, finanche di un infanticidio(ovviamente se commesso da una donna). Ecco perchè ci fa schifo il femminismo. E non solo per questo, ovviamente.

In ultimo: noi non invochiamo condanne e galere, nè ci stracciamo le vesti per provvedimenti di clemenza. Chiediamo, semplicemente, pari trattamento giudiziario, sociale e legislativo, tra uomo e donna,a parità di azione, reato, condizione, ecc.
O chiediamo troppo?

Categorie: Uncategorized | Tag: | Lascia un commento

Ci segnalano questo articolo,invitandoci a pubblicare, cosa che facciamo.

http://stradeonline.it/terza-pagina/1387-stupida-no-sessista-miss-italia-e-la-leva-maschile-obbligatoria

Categorie: Uncategorized | Lascia un commento

Blog su WordPress.com.